Situazione economico - finanziaria del gruppo-Situazione patrimoniale del Gruppo Fiat al 31 dicembre 2011

Situazione patrimoniale del Gruppo Fiat al 31 dicembre 2011

Al 31 dicembre 2011 il Totale Attivo è pari a 80.031 milioni di euro con un ammontare delle attività acquisite con il primo consolidamento di Chrysler pari a 26.333 milioni di euro. Al 31 dicembre 2010 il totale attivo, pari a 73.442 milioni di euro, si riferiva al Gruppo Fiat ante Scissione, di cui 41.521 milioni di euro relativi alle Continuing Operations.

A fine esercizio le Attività non correnti sono pari a 43.477 milioni di euro. L’aumento di 26,2 miliardi di euro rispetto ai 17,3 miliardi di euro di inizio esercizio è attribuibile quasi interamente al consolidamento di Chrysler. Al netto di tale variazione di perimetro e della valutazione del diritto di Fiat a ricevere un ulteriore 5% del capitale di Chrysler al verificarsi dell’Ecological Event (verificatosi nei primi giorni del 2012) le attività non correnti sono sostanzialmente invariate.

Le Attività correnti ammontano a 36.488 milioni di euro, in crescita di 6.711 milioni di euro. Al netto della variazione dei crediti finanziari verso Fiat Industrial, pari a 5,6 miliardi di euro a fine 2010 e ora liquidati congiuntamente alle partite debitorie, le Attività correnti hanno registrato una crescita di circa 12 miliardi di euro quasi totalmente attribuibile al consolidamento delle attività di Chrysler, principalmente liquidità e rimanenze nette.

Il Capitale di funzionamento, escluse le partite correlate alle vendite di veicoli con patto di riacquisto (buy-back), è negativo per 9.693 milioni di euro (negativo per 4.666 milioni di euro al 31 dicembre 2010). La variazione include l’effetto del consolidamento del capitale di funzionamento di Chrysler, negativo per circa 4,1 miliardi di euro.

(in milioni di euro)   Al 31.12.2011 Al 31.12.2010 Variaz.
Rimanenze nette (a) 7.729 3.806 3.923
Crediti commerciali   2.625 2.259 366
Debti commerciali   (16.418) (9.345) (7.073)
Saldo  Crediti/(Debiti) per imposte correnti e Altre Attività/(Passività) correnti (b) (3.629) (1.386) (2.243)
Capitale di funzionamento   (9.693) (4.666) (5.027)
(a) Le rimanenze sono esposte al netto del valore dei veicoli ceduti con clausola di buy-back da Fiat Group Automobiles e Chrysler, sia ancora presso il cliente che riacquisiti e destinati ad essere ceduti. (b) Le Altre Passività correnti, incluse nel saldo tra Crediti/(Debiti) per imposte correnti e Altre Attività/(Passività) correnti, sono esposte al netto dei debiti verso i clienti corrispondenti al prezzo di riacquisto a fine contratto, unitamente al valore dei canoni anticipati dai clienti stessi per veicoli ceduti con buy-back, pari, all’inizio del contratto, alla differenza tra il prezzo di cessione e quello di riacquisto, da ripartirsi lungo la durata contrattuale.

Al 31 dicembre 2011 i crediti commerciali, gli altri crediti e i crediti da attività di finanziamento, con scadenza successiva a tale data, ceduti a titolo definitivo nel rispetto dei requisiti previsti dallo IAS 39 e pertanto stornati dall’attivo di bilancio, ammontano a 3.858 milioni di euro (3.524 milioni di euro al 31 dicembre 2010). Tale importo include crediti, principalmente verso la rete di vendita, ceduti a società di servizi finanziari a controllo congiunto (gruppo FGA Capital) per 2.495 milioni di euro (2.376 milioni di euro al 31 dicembre 2010).

Escludendo Chrysler, nel 2011 il valore netto del capitale di funzionamento (calcolato a cambi costanti), è diminuito di circa 1,2 miliardi di euro.

Al 31 dicembre 2011 l’Indebitamento netto consolidato è pari a 8.898 milioni di euro, in crescita di 6.145 milioni di euro rispetto ai 2.753 milioni di euro di inizio esercizio. Escludendo il Gruppo Chrysler (consolidato dal mese di giugno), l’indebitamento netto del Gruppo Fiat aumenta di 3.065 milioni di euro, in relazione agli esborsi per l’acquisto delle quote di Chrysler per complessivi 1,4 miliardi di euro, agli investimenti dell’esercizio per 3,6 miliardi di euro, ai dividendi corrisposti nel periodo (179 milioni di euro) e alla crescita dei volumi finanziati dalle attività di servizi finanziari, compensati in parte dal positivo flusso gestionale.

 Al 31.11.2011Al 31.12.2010 (*)
(in milioni di euro)
Fiat inclusa Chrysler Chrysler
Fiat esclusa Chrysler Fiat
Debiti finanziari:   (26.772) (10.537) (16.245) (20.804)
Debiti per anticipazimi su cessioni di crediti   (710) (31) (679) (533)
Debiti finanziari verso Discontinued Operation   -
-
-
(2.865)
Altri debiti finanziari   (26.062) (10.506) (15.566) (17.406)
Crediti finanziari correnti verso società di Servizi Finanziari a cotrollo congiunto (a) 21 -
21 12
Crediti finanziari intersegment (b) -
10 -
-
Crediti finanziari verso Discontinued Operation   -
-
-
5.626
Debiti finanziari al netto dei crediti finanziari correnti verso società di Servizi Finanziari a controllo congiunto   (26.751) (10.527) (16.224) (15.166)
Altre attività finanziarie (c) 557 127 430 516
Altre passività finanziarie (c) (429) (100) (329) (255)
Titoli correnti   199 -
199 185
Disponibilità e mezzi equivalenti   17.526 7.420 10.106 11.967
(Indebitamente netto) /Disponibilità nette   (8.898) (3.080) (5.818 ) (2.753)
Attività Industriali   (5.529) (3.080) (2.449) (542)
Servizi Finanziari   (3.369) -
(3.369) (2.211)
(*) Gli importi tengono conto degli effetti derivanti dalla Scissione avvenuta il 1° gennaio 2011. (a) Include i crediti finanziari correnti verso il gruppo FGA Capital. (b) Includono i valori di accordi infragruppo trattati come leasing finanziario ai sensi dell’IFRIC 4. (c) Include il fair value degli strumenti finanziari derivati.

Nel 2011 gli Altri Debiti finanziari sono aumentati di 8,7 miliardi di euro. Escluso Chrysler, gli altri debiti finanziari sono diminuiti di 1,8 miliardi di euro principalmente per effetto del rimborso di alcune linee di credito bancarie giunte a scadenza o trasferite alle tesorerie di Fiat Industrial in conseguenza della Scissione, cui si è aggiunto il rimborso di prestiti obbligazionari giunti a scadenza per 2,4 miliardi di euro. Per contro, nei mesi di aprile e di luglio sono state completate le operazioni di collocamento di tre prestiti obbligazionari per complessivi 2,5 miliardi di euro emessi da Fiat Finance and Trade Ltd S.A., società interamente controllata da Fiat S.p.A., nell’ambito del programma Global Medium Term Notes.

Si ricorda, inoltre, che nel mese di gennaio 2011 sono stati liquidati i debiti/crediti finanziari in essere tra Fiat Industrial e Fiat, con un incasso netto per quest’ultima di circa 2,8 miliardi di euro.

Al 31 dicembre 2011, le Disponibilità, mezzi equivalenti e titoli correnti ammontavano complessivamente a 17,7 miliardi di euro, di cui 7,4 miliardi relativi a Chrysler. Per quanto riguarda Fiat esclusa Chrysler le Disponibilità, mezzi equivalenti e titoli correnti al 31 dicembre 2011 ammontavano a 10,3 miliardi di euro, in diminuzione di circa 1 miliardo di euro rispetto a inizio esercizio.

La liquidità disponibile, inclusiva di quella derivante dalle linee di credito revolving non utilizzate (1,95 miliardi di euro per Fiat ex Chrysler e 1 miliardo di euro per Chrysler), è pari a 20,7 miliardi di euro, di cui 12,3 miliardi di euro riferibili a Fiat escluso Chrysler (12,2 miliardi di euro al 31 dicembre 2010 quando tutte le linee di credito “committed” erano utilizzate) e 8,4 miliardi di euro relativi a Chrysler.

Interactive data

© 2012 FIAT S.p.A - P.IVA 00469580013