Situazione economico-finanziaria del gruppo - Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario

Il rendiconto finanziario consolidato è riportato successivamente in forma completa nei Prospetti contabili consolidati; qui di seguito viene fornito il commento unitamente ad una versione sintetica.

(in milioni di euro) 2011 2010
A) DISPONIBILITÀ E MEZZI EQUIVALENTI ALL’INIZIO DELL’ESERCIZIO 11.967 12.226
B) DISPONIBILITÀ GENERATE (ASSORBITE) DALLE OPERAZIONI DELL’ESERCIZIO 5.195 6.110
di cui: Disponibilità e mezzi equivalenti generate dalle operazioni dell’esercizio delle Discontinued Operation - 2.537
C) DISPONIBILITÀ GENERATE (ASSORBITE) DALLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO (*) (858) (3.829)
di cui: Disponibilità e mezzi equivalenti assorbite dalle attività di investimento delle Discontinued Operation - (443)
D) DISPONIBILITÀ GENERATE (ASSORBITE) DALLE ATTIVITÀ DI FINANZIAMENTO 632 787
di cui: Disponibilità e mezzi equivalenti assorbite dalle attività di finanziamento delle Discontinued Operation - 2.084
Differenze cambi di conversione 590 359
E) VARIAZIONE NETTA DELLE DISPONIBILITÀ E MEZZI EQUIVALENTI 5.559 3.427
F) DISPONIBILITÀ E MEZZI EQUIVALENTI 17.526 15.653
di cui: Disponibilità e mezzi equivalenti inclusi tra le Attività destinate alla vendita e Discontinued Operation - 3.686
G) DISPONIBILITÀ E MEZZI EQUIVALENTI A FINE ESERCIZIO 17.526 11.967
(*) Nel 2011, tale valore include, per 5.624 milioni di euro, le disponibilità e mezzi equivalenti derivanti dal consolidamento di Chrysler, al netto del corrispettivo pagato per la sottoscrizione dell’ulteriore 16% (pari a 881 milioni di euro, ovvero 1.268 milioni di dollari). L’importo relativo al 2010 differisce da quello pubblicato in precedenza per effetto della riclassifica tra le Disponibilità generate (assorbite) dalle Attività di finanziamento, alla voce (Acquisto)/vendita di quote partecipative di controllate, dell’acquisizione della quota partecipativa del 5% in Ferrari S.p.A.

Nel 2011 le operazioni dell’esercizio hanno generato disponibilità per 5.195 milioni di euro, di cui 1.751 milioni di euro relative a Chrysler (consolidata dal mese di giugno 2011). Esclusa Chrysler, le disponibilità generate, pari a 3.444 milioni di euro, derivano per 2.236 milioni di euro dal flusso reddituale (risultato netto più ammortamenti e dividendi, variazione dei fondi, delle poste relative alla gestione delle vendite con buy-back, al netto delle “Plusvalenze/ minusvalenze e altre poste non monetarie”) e per 1.208 milioni di euro dalla diminuzione del capitale di funzionamento (calcolato a parità di cambi).

Le attività di investimento hanno assorbito liquidità per 858 milioni di euro comprensivi delle disponibilità rilevate con il consolidamento di Chrysler che, al netto dell’importo pagato per la sottoscrizione della quota del 16% (881 milioni di euro) ammontano a 5.624 milioni di euro. Escluse tali disponibilità, le attività di investimento hanno assorbito 6.482 milioni di euro.

Gli Investimenti in attività materiali e immateriali (inclusi costi di sviluppo capitalizzati per 1.438 milioni di euro) sono stati pari a 5.528 milioni di euro (di cui 1.936 milioni di euro riferiti a Chrysler, per il periodo giugno-dicembre).

Gli investimenti in partecipazioni (142 milioni di euro) si riferiscono, essenzialmente, alla capitalizzazione della joint venture cinese a controllo congiunto GAC Fiat Automobiles Co. Ltd., di quella paritetica Fiat India Automobiles Limited e all’acquisto del 50% della partecipazione in VM Motori S.p.A.

Nel 2011 gli incassi derivanti dalla vendita di attività non correnti sono stati pari a 449 milioni di euro, di cui 252 milioni di euro riferibili a Chrysler (principalmente derivanti da cessioni di attività materiali e immateriali). Al netto di questi ultimi, gli incassi si riferiscono alla regolazione della cessione (avvenuta nel 2010) del 49% detenuto da FGA in Iveco Latin America Ltda e del 100% di Fiat Switzerland SA (controllata da Fiat S.p.A) a Fiat Industrial e alle cessioni di attività materiali e immateriali del periodo.

L’incremento dei crediti dalle attività di finanziamento (pari a 1.218 milioni di euro) è in larga misura attribuibile alle società di Servizi Finanziari di Fiat Group Automobiles in America Latina.

Le attività di finanziamento hanno generato risorse per circa 0,6 miliardi di euro. Nel 2011, sono stati incassati i crediti finanziari netti in essere a fine 2010 verso il Gruppo Fiat Industrial, pari a circa 2,8 miliardi di euro, e sono stati emessi prestiti obbligazionari per complessivi 2,5 miliardi di euro (a fronte del rimborso di prestiti obbligazionari giunti a scadenza per 2,4 miliardi di euro). La riduzione netta dei debiti finanziari per circa 1,7 miliardi di euro include il rimborso di alcune linee di credito bancarie trasferite a Fiat Industrial in conseguenza della Scissione per circa 1 miliardo di euro. Infine sono inclusi nel flusso delle attività di finanziamento il pagamento di dividendi per 181 milioni di euro (quasi totalmente di competenza degli azionisti di Fiat e a quelli di minoranza di società controllate) e l’esborso per l’acquisto delle quote di Chrysler detenute dal Dipartimento del Tesoro statunitense e dal Canada pari a 438 milioni di euro.

Interactive data

© 2012 FIAT S.p.A - P.IVA 00469580013